Seleziona una pagina

La scadenza della rata secondo acconto delle imposte dei redditi per l’anno 2023, originariamente prevista per il 30 novembre 2023, è stata rinviata al 16 gennaio 2024.

Il rinvio è stato introdotto dal D.L. 145/2023, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 ottobre 2023. Il decreto ha previsto il rinvio del versamento del secondo acconto IRPEF per l’anno 2023 per i seguenti soggetti:

  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori autonomi;
  • pensionati;
  • titolari di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente;
  • titolari di redditi di impresa, arti e professioni.

Il rinvio è concesso a condizione che non abbiano dichiarato compensi o ricavi di ammontare superiore a 170.000 euro / anno

In caso di mancato pagamento del secondo acconto IRPEF entro la nuova scadenza del 16 gennaio 2024, si applicano le sanzioni previste dalla legge, che sono pari al 3% dell’importo dovuto.

Il contribuente può quindi scegliere:

  • di versare in unica soluzione alla vecchia data del 30/11/2023
  • di versare in unica soluzione entro la nuova data del 16/01/2024
  • di versare in 5 rate a partire dal 16/01/2024 fino al 16/05/2024 con rata mensile periodica , con il 4% di interessi

Resta sintonizzato per ulteriori dettagli e consigli su come gestire al meglio la tua situazione fiscale.

Se hai domande specifiche o desideri ulteriori informazioni sulla nuova cedolare secca al 26%, non esitare a contattarci

Siamo qui per aiutarti a comprendere le nuove regole fiscali. 🏡💼