• Semplifica la gestione
  • Assistenza completa via mail / telefono / chat
  • Specialista fiscale dedicato
  • Risparmio di tempo e denaro
  • Documentazione sempre disponibile nella cartella cloud
  • Veri professionisti del settore fiscale
  • Facilità di pagamento mensile con Paypal / carta credito / ricaricabile

Richiedi senza impegno la prima consulenza gratuita per la tua p.iva !

Ti ricontatteremo entro 12 ore per pianificare la miglior soluzione per te!

    Il tuo nome e cognome *

    La tua Email *

    Telefono *

    Città *

    Tipo di attività *

    Tipo di contabilità *

    Richiedi informazioni *

    Tutela del trattamento dei dati personali
    Per maggiori informazioni leggi la pagina sulla tutela della privacy.

    Conferma il trattamento dei dati
    autorizzo

    Regime Forfettario – Flat Tax

    Il regime forfettario è la soluzione più conveniente per i professionisti e le ditte individuali che avviano le attività, avendo una previsione di fatturato non superiore ai 65mila €uro. La soglia ricavi è fissa per qualsiasi codice attività ATECO. Non si deduce alcun tipo di spesa.

    Tassazione: un’aliquota del 5% per nuove aperture ( per i primi 5 anni )  oppure del 15% per le altre p.iva  calcolata sul reddito ovvero il fatturato moltiplicato con il coefficiente di redditività del settore. Se un professionista apre  nel 2020 e fattura € 10mila, la tassazione corrisponde al  5% di € 7.800 ( 10.000×78%) = € 390. Se invece si tratta di una start up che opera nell’ecommerce che fattura € 40mila  , la tassazione equivale al 5% di € 16.000 ( 40.000 x 40% ) = € 800

    Contribuzione: IVS fissa trimestrale se si tratta di un Artigiano o Commerciante, ridotta del 35% presentando domanda telematica di agevolazione all’INPS. Se invece è il caso di un professionista senza cassa, sarà sul reddito in percentuale del 25,72% cosiddetta Gestione Separata oppure in base alla Cassa di previdenza per un professionista con Albo/Ordine.

    Requisiti di accesso:

      • Ricavi non superiori a 65 mila euro
      • spesa inferiore ai 20mila euro lordi per lavoro dipendente, accessorio e assimilato ( novità dal 2020)
      • non aver percepito redditi da lavoro dipendente superiori ai 30mila nell’anno precedente ( novità dal 2020)
      • non possesso di partecipazioni in SRL con controllo diretto ne in qualsiasi società di persone
      • non accedono le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta, ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili a tali datori di lavoro
      • i soggetti non devono avvalersi di regimi speciali ai fini Iva
      • i soggetti non residenti Italia, ad eccezione di coloro che risiedono UE e producono in Italia almeno il 75% del reddito
      • i soggetti che effettuano, in via esclusiva o prevalente, operazioni di cessione di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili o di mezzi di trasporto nuovi